Ultim'ora News

ANCORA NOVITÀ SULLE CERTIFICAZIONI MEDICO-SPORTIVE: LA NON AGONISTICA ANCHE AI MEDICI ISCRITTI ALLA FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA. SEMPRE MINORE LA VALENZA PROFESSIONALE DELLO SPECIALISTA IN MEDICINA DELLO SPORT.

Decreto PA. Via libera anche dal Senato. Il provvedimento è legge. Le norme per la sanità

Passa con 174 sì, 53 no e un astenuto il decreto sulla Pubblica Amministrazione che ha norme per la riduzione delle spese, la mobilità e l’efficienza amministrativa. Il decreto è stato convertito in legge un giorno prima della sua decadenza. Il testo approvato.

30 Ottobre 2013 – Il Senato ha approvato in terza lettura con 174 sì, 53 no e un astenuto il decreto sulla Pubblica Amministrazione che ha norme per la riduzione delle spese, la mobilità e l’efficienza amministrativa. Il decreto è convertito in legge un giorno prima della sua decadenza. In Aula il relatore, Giorgio Pagliari (PD), si è soffermato sulle modifiche introdotte dall’altro ramo del Parlamento, sollecitando un esame tempestivo in considerazione dell’imminente scadenza del decreto-legge.
(Leggi il testo completo)

… All’articolo 4 …
In particolare per il comparto sanità si prevede che la regolarizzazione dei precari avvenga tramite un successivo decreto del presidente del consiglio dei ministri che individuerà, “per il personale dedicato alla ricerca in sanità”, quali “requisiti per l’accesso ai concorsi, dei titoli di studio di laurea e post laurea in possesso del personale precario nonché per il personale medico in servizio presso il pronto soccorso delle aziende sanitarie locali, con almeno 5 anni di prestazione continuativa, ancorché non in possesso della specializzazione in medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza”.
Buone notizie anche per i medici Inps. In considerazione dei vincoli di bilancio e assunzionali, nonché dell’autonomia organizzativa dell’Istituto, le liste speciali, già costituite ai sensi dell’articolo 5, comma 12, della legge n. 638 del 1983 sono trasformate in liste speciali ad esaurimento, nelle quali vengono confermati i medici inseriti nelle suddette liste alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto e che risultavano già iscritti nelle liste alla data del 31 dicembre 2007.
Sul versante dei certificati per l’attività sportiva non agonistica è previsto che questi “sono rilasciati dai medici di medicina generale e dai pediatri di libera scelta, relativamente ai propri assistiti, o dal medico specialista in medicina dello sport ovvero dai medici della Federazione medico- sportiva italiana del Coni”.
Ai fini del rilascio di tali certificati, i “medici si avvalgono dell’esame clinico degli accertamenti incluso l’elettrocardiogramma, secondo linee guida approvate con decreto del Ministro della salute, su proposta della Federazione nazionale degli ordini dei medici-chirurghi e degli odontoiatri, sentito il Consiglio superiore di sanità. Dall’attuazione del presente comma non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica”. …

Nota della redazione di SPORT&MEDICINA:

Quanto inserito nel decreto amplia ancora di più il “parco medici” che può certificare l’idoneità allo sport non agonistico inserendo anche i medici della FMSI, che non sono necessariamente tutti specialisti in Medicina dello Sport.
E continuo quindi a chiedermi: a cosa serve la specializzazione in Medicina dello Sport?
Forse per risparmiare si potrebbe abolire la specializzazione in Medicina dello Sport … vista la valenza professionale di questi specialisti, che dopo 4 anni di specializzazione post-laurea non hanno neanche l’esclusiva alla certificazione specifica.

Nota del Ministero della Salute circa le criticità interpretative nell’applicazione delle norme sulla certificazione di attività sportiva – 11 Settembre 2013

SCARICA MODULO IN FORMATO PDF
**
Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

To Top